Biglietti

Linee e orari

News

Vantaggi

Assistenza

Gite in Treno

Accedi

Non hai un account?

Trenord: dal 13 giugno un nuovo treno Caravaggio in servizio tra Milano e Verona e più collegamenti estivi per il Garda

martedì 08/06/2021

Con il nuovo orario dal 13 giugno più servizi per le mete turistiche lacustri

 

Milano, 8 giugno 2021 – Un nuovo treno Caravaggio di Trenord in servizio sulla linea Milano-Brescia-Verona: in concomitanza con l’aggiornamento dell’orario che entrerà in vigore domenica 13 giugno, sulla linea che collega il capoluogo lombardo a Brescia e Verona circolerà per la prima volta uno dei nuovi convogli ad alta capacità. Inoltre, con l’aggiornamento orario sarà potenziato il servizio sulla linea il sabato e nei festivi, per i viaggiatori diretti sulle rive del Garda.

 

Il treno Caravaggio sulla linea Milano-Brescia-Verona

Il nuovo convoglio Caravaggio nei giorni feriali effettuerà sulla linea otto corse.

Nei giorni festivi, per potenziare il servizio offerto ai viaggiatori diretti sulla riviera del Garda, due convogli Caravaggio in doppia composizione effettueranno invece le corse 2601 (Milano C.le 9.25-Verona P.N. 11.15) e 2682 (Verona P.N. 18.16-Milano C.le 20.05). Circolando con un numero complessivo di otto carrozze, i due convogli Caravaggio arriveranno a offrire 890 posti a sedere.

I nuovi treni ad alta capacità offriranno ai passeggeri della linea un ambiente di viaggio confortevole – grazie a sistemi di climatizzazione autoregolati e di illuminazione LED, prese elettriche e USB utili per la ricarica dei dispositivi mobili – e accessibile. Caravaggio è dotato di soluzioni audio e video per l’informazione a bordo e di 50 telecamere per la videosorveglianza.

 

Il potenziamento del servizio per il lago di Garda

Fino al 29 agosto sarà attivato il nuovo treno 2657 (Milano C.le 8.50-Verona P.N. 10.40), che sarà effettuato il sabato e nei festivi.

 

Inoltre circoleranno anche il sabato e nei festivi i treni 2668 (Verona P.N. 11.15-Milano C.le 13.05) e 2682 (Verona P.N. 18.16-Milano C.le 20.05).

 

 

 

 

Nota Stampa